Avocado in gravidanza: 6 motivi per mangiarlo

24
feb

Avocado in gravidanza, ecco perché è consigliato

 

Avocado in gravidanza, ecco perché è consigliato  Qual è la frutta migliore da mangiare e quale da non mangiare durante la gravidanza? Sull’argomento sono nate tante leggende che affollano il web, come le voci che circolano sull’ananas in gravidanza.

In molte si chiedono anche se mangiare l’avocado in gravidanza sia una buona idea. Il consiglio di Fratelli Orsero? Questo frutto esotico non compare nelle liste dei cibi vietati in gravidanza. Ma per ovviare a ogni dubbio, chiedete al vostro medico (ginecologo o nutrizionista che sia). Detto questo non possiamo esimerci dal fare alcune considerazioni sui benefici che il consumo dell’avocado porta con sé.

Acido folico – Questo frutto esotico è ricco di acido folico. Proprio quell’acido folico che, probabilmente, assumete attraverso un integratore alimentare. Chiaramente il consumo di avocado non può sostituire l’apporto degli integratori prescritti dal ginecologo. Questa vitamina del gruppo B è fondamentale nelle fasi più importanti dello sviluppo del feto, come la formazione del sistema nervoso.
Potassio – Può essere utile alla futura mamma per superare lo spossamento e la stanchezza della gestazione.
Vitamina C – Non ha bisogno di presentazioni: rafforza il sistema immunitario di mamma e bimbo.
Vitamina B6 – Un altro importante componente che dà un apporto fondamentale nella formazione dei tessuti del bambino. In alcuni casi è stato riscontrato anche che l’assunzione di questa vitamina può attenuare le nausee mattutine.
Grassi buoni – L’avocado è ricco di quei grassi monoinsaturi che aiutano nella prevenzione delle malattie cardiache.
Fibre – L’avocado è anche un ottimo alimento per chi soffre di stitichezza in gravidanza grazie al suo apporto di fibre.

Avete ancora qualche dubbio sul fatto che mangiare l’avocato in gravidanza sia una buona idea?